15 luglio 2017, ore 15e30

La resistenza di Ida ed Ermando

da | 0 commenti

Compagnia Campoverdeottolini

in

La resistenza di Ida ed Ermando

Un progetto di riviviscenza storica

di Compagnia CampoverdeOttolini

In collaborazione con Grumpy Bear

La Resistenza di Milano raccontata con gli occhi di Ida ed Ermando, due ragazzi del ’43. Un gioco di ruolo e una lettura per provare a capire cosa vuol dire essere in guerra.

QUANDO: Sabato 15 Luglio

Ore 15.30 Partenza gioco di ruolo

Ore 17.30 Lettura scenica

DOVE: Casa della Memoria,

Via Federico Confalonieri, 14, 20124 Milano

PRENOTAZIONE: gradita per il gioco di ruolo

BIGLIETTI: Ingresso libero

IDA E ERMANDO A MILANO

Sabato 15 Luglio alle ore 15.30 alla Casa della Memoria, i giocatori – seduti ad un tavolo – tesseranno le sorti dei partigiani Ida ed Ermando calati nella trama di fatti realmente accaduti a Milano tra l’arresto di Mussolini del luglio ‘43 e la strage di piazzale Loreto dell’agosto del 44; passando per l’armistizio di Badoglio, la morte di Resega e la fondazione dei GAP milanesi.

Un racconto della resistenza milanese, fatta di bombardamenti, di occupazioni naziste e di scioperi in fabbrica, che la Compagnia CampoverdeOttolini ci farà ascoltare alle ore 17.30 per mezzo di una lettura scenica.

IL PROGETTO

La Resistenza di Ida ed Ermando è un progetto di Elisa Campoverde, Marco Ottolini e Flavio Mortarino (GrumpyBear) che si sviluppa in collaborazione con gli istituti storici dei territori che lo accolgono. Attraverso l’utilizzo della drammatizzazione degli eventi storici, le tecniche del gioco di ruolo e la lettura scenica, mira a diffondere le storie e le testimonianze della resistenza del secondo dopo guerra.

CHI SONO IDA E ERMANDO

Ida ed Ermando sono due personaggi realistici. Due esistenze romanzate che si intrecciano con la Storia. Le loro vicende sono di volta in volta riscritte sulla base dello studio dei fatti storici del territorio in cui approdano.

PERCHE’ UN GIOCO DI RUOLO

Cosa vuol dire vivere al centro di una quotidiana guerra civile? Cosa vuol dire vivere in guerra? Cosa sono per noi i partigiani? Per le giovani generazioni risulta difficile rispondere a queste domande. I nati dopo il 1948, infatti, hanno goduto e godono ancora di una pace assodata, data alle volte per scontata. Questo progetto prova a trovare queste risposte, anche mediante la pervasività del gioco di ruolo.

La compagnia CampoverdeOttolini e il game designer Flavio Mortarino hanno sviluppato un gioco di ruolo ad hoc a partire dalla struttura del gioco “L’amore al tempo della guerra” (Coyote Press), i cui autori sono Mario Bolzoni e Luca Veluttini.

Questo gioco di ruolo parla di nostalgia, tentazione, lontananza, e racconta la storia di un amore messo a dura prova.

Una persona assume il ruolo di “Lui” (in questo caso Ermando), un’altra quello di “Lei” (in questo caso Ida), mentre la terza è “Guerra”.

Due innamorati separati da una guerra. Tutto ciò che hanno per rimanere aggrappati l’uno all’altra è affidare le loro parole ad una lettera. Ognuno, alternandosi, affronterà le situazioni che Guerra costruirà, mettendoli alla prova. Si troveranno così di fronte ad una difficile decisione.

dire la verità all’altro e far soffrire l’amato o mentire, perdendo poco a poco pezzi di sé.

Si tratta di un’esperienza partecipativa mirata a far sentire e rivivere le vicende dell’ultimo conflitto che i nostri luoghi hanno vissuto e di cui alcuni superstiti portano ancora testimonianza: la guerra di resistenza.

COMPAGNIA CAMPOVERDEOTTOLINI

La compagnia CAMPOVERDEOTTOLINI nasce a Milano dall’ incontro tra Marco Ottolini ed Elisa Campoverde; co-autori, attori e registi dei loro spettacoli. La loro co-autorialità porta alla luce produzioni d’impianto e composizione di volta in volta differenti, vedendo come minimo comune denominatore il processo creativo.

La compagnia produce dal 2013 spettacoli di nuova drammaturgia creati attraverso percorsi che integrano scrittura scenica e nuovi linguaggi, con una forte attenzione alla valorizzazione del rapporto fra scena e platea.

I temi ispiranti della loro produzione artistica nascono da una riflessione sul concetto di responsabilità, individuale e collettiva. Spesso trattati con forme legate al gioco, sia come meccanismo di interazione con il pubblico, sia come strumento narrativo.

www.compagniacampoverdeottolini.org

compagnia@campoverdeottolini.org

GRUMPY BEAR

GrumpyBear è il nome con cui Flavio Mortarino svolge lavori freelance nell’ambito ludico. Mosso da una passione per il gioco in tutte le sue forme e grazie a professionalità sviluppate durante una decennale esperienza con le associazioni del settore ludico e con l’etichetta editoriale Janus Design,

l'”orso brontolone” si occupa di game design quanto di sviluppo di eventi, giochi e prodotti editoriali.

http://grumpybearstuff.com/

Continuando a navigare nel sito, si è d'accordo con l'uso dei cookie più informazioni

Le impostazioni di questo sito web sono predisposte per "permettere ai cookie" di offrirvi la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continuate nella navigazione senza modificare le vostre impostazioni dei cookie o cliccate sul pulsante "accetto" più in basso, allora acconsentite alla suddetta "cookie policy".
Altre informazioni alla nostra pagina sulla EU cookie law

Close